Underground Sanlazzarese

Ebbene si, esiste un underground sanlazzarese!

Prima di iniziare a parlarne però forse è bene mettere in chiaro di cosa parliamo quando nominiamo l’underground. Wikipedia lo definisce così:

Ampio insieme di pratiche e di identità accomunate dall’intento di porsi in antitesi e/o in alternativa alla cultura di massa o alla cultura popolare.

In poche parole secondo wikipedia si tratta principalmente di un movimento di persone controcorrente. Questa definizione però è vera solo se contestualizzata nel primo periodo underground, quando questo movimento è nato.

Underground-Efect-Photography-Wallpaper-HDL’underground  nasce in America nel Bronx. La prima forma di underground che si è poi diffusa maggiormente è il movimento hip hop. Siamo nella seconda metà degli anni sessanta, nei quartieri abitati dai neri americani, dove lo stato è completamente assente e tutto è regolato dalla legge del più forte. In questo contesto nasce l’Hip Hop: mentre prima le strade erano popolate da gang violente che risolvevano i propri diverbi dandosele di santa ragione, con l’arrivo della droga si iniziano a vedere sempre più vittime, tra chi veniva ammazzato di botte e che di overdose. Le gang diventano crew, una sorta di autodifesa, mentre prima le discussioni terminavano a pugni, adesso i contendenti si sfidavano in battaglie di ballo e in sfide di rap, non come lo conosciamo noi adesso, il rap di quel periodo consisteva nello scambiarsi insulti in rima a tempo di musica.

Questo movimento di strada, alla ricerca di punti fermi e di aiuto da parte dello stato finisce per collaborare alla nascita del “Black Panther Party”, il partito che cercava di raggiungere la parità di diritti tra neri e bianchi, tra gli attivisti di questo partito troviamo figure come Malcolm X e Martin Luther King.

Col raggiungimento, sebbene non completo, di questo obiettivo l’underground  si trasforma: da movimento politico a espressione artistica e affermazione dell’individuo.

Oggi l’ hip hop, pilastro portante della cultura underground è diventato una forma d’arte, dalla danza, al canto,  compreso il writing (da notare bene che quando si parla di writing si intende l’arte che non è vandalismo, è writing quello che troviamo dipinto nel PalaPolla al parco della resistenza, non le scritte “culo” che possiamo leggere nel tratto della via Emilia tra via Po e il ponte vecchio).

Questa forma d’arte negli anni novanta si è largamente diffusa anche in Europa, in Italia e anche a San Lazzaro! Non molti sanno che la capitale dell’ Hip Hop è proprio Bologna che deve contendersi il titolo solo con Roma, la quale però parte avvantaggiata in quanto capitale politica. In fiera a Bologna si svolge la finale di un torneo mondiale di danza hip hop, a Cesenatico si svolge la settimana italiana (e non solo) dell’ hip hop e presto sarà proprio San Lazzaro ad ospitare la tappa invernale di questo evento!

Quindi quando parleremo di Underground parleremo principalmente di forme d’arte di strada, molto presenti nel Territorio sanlazzarese!

Parleremo di Rap, Break Dance, Calisthenics e perché no, anche di calcio, data la quantità di giovani promesse residenti proprio a San Lazzaro!

Annunci

5 comments

  1. Molto interessante! Pur conoscendo a grandi linee questo pezzetto di storia contemporanea non ero mai riuscita a metterla bene in fila così bene 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...