Perché non amo la festa della Donna

Si dice che i proverbi siano la saggezza dei popoli, ma poiché è un proverbio che lo sostiene, iconcetto mi sembra troppo autoreferenziale per essere credibile.

Mi ricorda tanto la storia di quei sovrani, leader di partito o dittatori matti che si autoproclamano scelti e unti dal Signore o la faccenda del  papa che dichiara di essere infallibile.

C’è un proverbio però che vorrei citare, proveniente dalla mia vecchia città ; questo vecchio detto sostiene che il Banco di Napoli (ora fallito ma per secoli glorioso istituto di credito) non accetta in pegno nè chiacchiere nè tabacchiere di legno.

Facile intuirne la morale: le parole come le tabacchiere di modesta costruzione non hanno alcun valore e quindi non possono essere date agli altri in garanzia di alcunché.

Parole, paroleNiente di nuovo se vogliamo, oggi si dice che “le chiacchiere stanno a zero” e durante i corsi al management delle aziende, abbiamo sempre detto che i capi non parlano con le parole ma con i comportamenti concreti.

Ma allora perchè politici e uomini di potere continuano a seppellirci di parole vuote che vengono prima o poi smentite dai fatti!

Perchè artisti, politici e uomini di cultura hanno orgogliosamente mostrato al mondo il loro cartellino che dichiarava “Je suis Charlie” dopo il sanguinoso ed insensato attentato di Parigi e ora il giornale Charlie Hebdo non riesce a trovare più collaboratori?

Altro caso?

Prendiamo ad esempio l’attuale papa; si tratta senza dubbio di uno degli uomini di marketing più avveduto dei nostri giorni. Sempre la parola giusta al momento più opportuno, il gesto ad effetto che meglio rimanga impresso nell’immaginario delle persone, la telefonata  all’uomo della strada per farsi percepire vicino alla gente, la vecchia macchina, i bambini a portata di carezza poiché si sa quanta empatia generino.

Bella frase quella da lui pronunciata quando, in occasione dell’otto marzo, dice che il mondo senza donna sarebbe sterile; sai che scoperta!

È la donna che genera la vita e questo lo sapevamo da un po’, non a caso in tutte le civiltà donna e fertilità vanno da sempre insieme, ma caro Francesco, se a parole la donna è così importante per il capo della chiesa cattolica, perché con i fatti non si consente loro il sacerdozio?

Vogliamo continuare?

Ogni apertura dell’anno giudiziario sembra di assistere ad una copia dell’anno precedente, sicché ci si chiede se non si possa risparmiare e mandare in onda la cerimonia dell’anno prima.

E l’evasione fiscale, a parole avversata da ogni governo ma che all’atto pratico recupera pochi soldi e manda in galera ancor meno persone. Secondo il rapporto 2013 dell’Institut de criminologie et de droit pénal dell’Università di Losanna, il rapporto del numero di detenuto per reati fiscali tra Italia e Germania è di uno a 55.

Nel 2011, gli evasori nelle carceri italiane condannati con sentenza definitiva erano appena 156, ovvero lo 0,4% della popolazione carceraria contro una media del 4,1% dell’Unione Europea. (vedi http://www.lettera43.it/capire-notizie/evasione-fiscale-il-confronto-tra-l-italia-e-gli-altri-paesi_43675157329.htm)

E cosa dire del  “digital divide” e del sostegno alle classi meno abbienti?

Potremmo proseguire ancora a lungo; a nostra vita è lastricata di parole mai seguite dalle azioni, siamo dunque circondati da bugiardi?

In parte si, ma c’è un problema maggiore: questi menzogneri di professione contano sulla nostra carente memoria e su qualcosa che potremmo definire obsolescenza delle informazioni da abuso, poiché sommersi da centinai di nuove notizie e più che altro bulimici di novità a getto continuo, non ricordiamo oggi ciò che è accaduto ieri e quindi non siamo in grado di smentire chi l’otto marzo inneggia alla Donna e fino al 7 ha fatto il contrario di ciò che ora dichiara.

Lo so che fiorai e ristoratori mi odierebbero se sapessero ciò che penso, ma la vera festa della donna sarà quando non ci sarà finalmente più bisogno di una festa della donna.

Vai a tutti i precedenti articoli della categoria

Annunci

2 commenti

  1. Indubbiamente ci vuole coraggio a guardare in faccia tutti questi temi che poni. Un po’ di rabbia viene….ma poi si manda giù e si combatte seppur difficile, per un mondo migliore 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...