Capricci ??? Istruzioni per l’uso!

“Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do?… “

Da sempre le ninne nanne cantate dalle mamme ai loro piccoli rappresentano lo specchio delle frustrazioni e delle fatiche legate al periodo di crescita del bambino ed alla conseguente necessità di evasione dalle responsabilità materne.

Quando si diventa genitori spesso ci si trova inermi davanti alle criticità: nessuno ci ha mai insegnato come essere una brava mamma e come affrontare positivamente le varie problematiche che si presentano di volta in volta…

Cerchiamo quindi di fare chiarezza su chi è un genitore: è un educatore capace di determinare dei cambiamenti sul piano comportamentale del bambino a seconda di come quest’ultimo si sente trattato.

Un educatore è quindi chi ha un ruolo gerarchico e d’insegnamento.

A questo punto possiamo fare un ulteriore passo avanti e cercare di analizzare chi è un “bravo” educatore e come si dovrà comportare di fronte agli innumerevoli capricci di un bambino.

Un bravo educatore è colui che attacca l’errore commesso e non svaluta la persona, le sgridate devono essere percepite nella logica del “ti voglio migliore”.

Facciamo un esempio: Il genitore torna a casa la sera stanco, dopo il lavoro, il bambino è agitato, fa una bizza e rompe persino un oggetto…

Un educatore negativo, stanco e arrabbiato, sgriderà il bambino dicendogli: “Guarda come sei stupido!”. In questo caso comunica al bambino che è un incapace, un buono a nulla… il piccolo si sentirà attaccato, umiliato e risponderà sul piano comportamentale chiudendosi in sé stesso e facendo ancora peggio… Seguiranno bizze senza fine.

Un educatore positivo, anch’esso stanco e arrabbiato, rifletterà su cosa sta comunicando e sgriderà il bambino dicendogli: ” Guarda che stupidaggine hai fatto!”. In questo caso comunica al bambino di essere consapevole che è bravo e intelligente ma che si è comportato male in questa situazione. Il genitore, in questo modo, avrà attaccato l’errore e non il bambino, il quale saprà benissimo di aver sbagliato e cercherà di migliorare il suo comportamento.

Per concludere un bravo educatore non solo attaccherà l’errore ma premierà il risultato positivo. Tante volte ci sentiamo troppo stanchi, siamo troppo di corsa e non ci accorgiamo di quante cose belle ha fatto nostro figlio nel corso della giornata con grande dispendio di tempo e di energia e di quanto abbia bisogno di sentirsi ricompensato dei suoi sforzi. Se il piccolo a scuola ha preso un buon voto o ha fatto un bel disegno, soffermiamoci a complimentarci con lui: il nostro rapporto migliorerà tantissimo!

Annunci

5 comments

  1. Una analisi che pochi conoscono non esistono che io sappia incontri per genitori che ti spiegano questa dinamica, se non nel caso di un figlio disabile. Anche chi ha un figlio normale dovrebbe avere la possibilità di seguire un percorso educativo. Ci sarebbero sicuramente mamme più contente e figli più felici e meno soli.
    .

    Liked by 1 persona

    • In effetti queste tematiche vengono sviluppate per chi si appresta a svolgere la professione di educatore. Tuttavia anch’io penso che possa essere utile ai genitori conoscere piccole strategie che aiutino a superare i momenti difficili. E potrebbe essere un argomento da trattare nei nostri corsi ! 😉

      Mi piace

  2. Concordo in pieno! Su questa stessa linea, quando mio figlio era piccolo, ho letto il libro di Thomas Gordon, Genitori Efficaci, dove si spiegava che per ottenere un buon risultato educativo conviene non mettersi in contrasto frontale (approccio vinco/perdi), ma bisogna mostrare il motivo di un obbligo/divieto, e giungere a ottenere la collaborazione.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...