Pedro e gli altri

Pedro4

di Stefano Rimondini

Pedro non ci sta. Non ci sta a lamentarsi e a recriminare. Non ci sta a denunciare lo sporco e il degrado delle nostre strade aspettando che vengano pulite. Da 3-4 anni, almeno una volta alla settimana fa una “passeggiata pulente”. Scarpe da ginnastica, pinze lunghe e sacco dei rifiuti in mano, passeggia per San Lazzaro e raccoglie cartacce e rifiuti che qualcuno abbandona sui marciapiedi, a lato delle strade, nelle aiuole. Da un po’ di tempo indossa anche una maglietta con la scritta IO MI VERGOGNO . Mi vergogno del degrado e dell’indifferenza – ci dice – ma non giudico, voglio divertirmi mentre lo faccio, perché se no torno a casa arrabbiato, non rigenero, e non ci vado più. Avevo 14 anni – ci racconta – e in un foglietto di quei calendari che si rinnovano ogni giorno, c’era scritto… c’é chi butta in una spiaggia una bottiglia rotta, e c’é chi si piega a raccoglierla…

Ho pensato che avrei potuto tagliarmi io i piedi con… quella bottiglia… e da allora mi sono sempre chinato a raccoglierla. Poi sono passato alle cartacce e ad altri rifiuti.

Domenica 19 aprile, con una ventina di volontari, Pedro pulirà le sponde del torrente Zena. Punto di raccolta, al mattino alle 9.00, di fronte alla sede del Parco dei Gessi, vicino alle grotte del Farneto. Chi vuole, può passare ad aiutare… Pedro e gli altri.

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...