Diamo concretamente una mano ai bambini di Oncologia Pediatrica

Da giovane, ovvero parecchio tempo fa, restavo sempre stupito nel constatare che ci fossero persone in grado di dare tanto agli altri da un punto di vista emotivo ed affettivo ed altre invece totalmente centrate su se stesse.

Mi colpiva il fatto che questa generosità opposta invece all’aridità,  non dipendessero dalla provenienza sociale, dalle disponibilità  economiche, dall’età o dall’area geografica nella quale eri nato.

Semplicemente alcuni erano in grado di arricchire gli altri con la propria presenza o vicinanza, mentre altri erano, da un punto di vista affettivo, materia inerte.

Con gli anni, conoscendo meglio me stesso ed il mio prossimo mi resi conto che era una semplice questione di “economia affettiva” (non sapevo come altro definirla).

Se eri ricco di sentimenti, di empatia, di sensibilità, potevi dare senza che questa tua  sorgente si esaurisse, diversamente eri sterile e arido come un sasso.

Dal punto di vista affettivo, il mio amico Elis Bassi era un autentico capitalista, e anche che oggi che non c’è più continua a offrirci qualcosa di se.IMG_4581rid

Lo fa con me, individualmente , giacché quando è necessario ancora chiacchieriamo nei miei pensieri e mi sembra di sentirle le sue battute o i consigli bonari e scherzosi che mi da; lo fa in modo più ampio con questa iniziativa che unisce una sua intuizione creativa, il talento artistico di suo fratello Frillo (in realtá Lanfranco) e un fine alto e generoso.

Otto, il palombaro senza mare aiuta i bambini di oncologia pediatrica dell’Ospedale di Parma

Per apprendere come nasce la storia del piccolo palombaro senza mare, sará giusto leggerne nella presentazione del libro (vedi il link), vi consiglio di farlo perché sará anche quello un dono di Elis. Non parliamo infatti solo di una  intuizione creativa ma di un modo tutto tipico di questo piccolo grande uomo di trasformare il dolore e la paura in speranza di vita.

In quella occasione, quando si ristabilì ricordo mi disse: Tommo, sono passato per un buco molto piccolo.

Questa capacitá di elaborare il dolore e la sofferenza e trasformarli in ulteriore amore per la Vita, era una sorta di pietra filosofale esistenziale, un processo che Elis ha praticato nei lunghi anni durante i quali ha combattuto contro una malattia che avrebbe schiantato moralmente prima che fisicamente, la maggior parte di noi.Otto3

La dolcezza della storia e la bellezza sognante della parte grafica lo rendono un libro adatto ai bambini e a coloro che indipendentemente dall’etá non hanno nessuna intenzione di abbandonare il proprio bisogno di fantasticare. Insomma un libro per tutti quelli che sanno che la fantasia è l’unico rifugio dal cinismo della realtà.

Associazione Noi per loro
Associazione Noi per loro

Il progetto di crowdfunding (per chi non ama l’inglese, raccolta di fondi tramite la Rete), ci permetterà di consentire la pubblicazione di questo splendido libro illustrato e conseguentemente aiutare l’Associazione NOI PER LORO, nata a Parma nel 1984 grazie all’iniziativa di un gruppo di genitori di bambini colpiti da malattie tumorali e del sangue, curati nella pediatria dell’Ospedale di Parma.

Potremo fare dunque qualcosa di meritevole con un piccolissimo impegno.

Ecco altri riferimenti utili e contatti:

Facebook: https://www.facebook.com/ottoilpalombaro
Email: otto.palombaro@gmail.com

A te Elis dico: “Grazie vecchio amico! Appena ci rivediamo ti porto un po’ di quegli asparagi che ti piacevano tanto”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...