Artisti tra la Via Emilia e il Savena

di Marzia Di Sessa

San Lazzaro sembra essere un crogiolo di artisti, nativi o residenti. Sono molti infatti i talentisilvi con morandi che si nascondo tra le mura di questa città ai confini di Bologna che vanno da Gianni Morandi a Cristina D’Avena, passando da Eraldo Tura fino ad arrivare a Franco Paradise e Claudia Raganella che solo di recente hanno scelto la vita dei colli piuttosto che quella di città. Tra loro, uno dei più artisticamente poliedrici, è sicuramente Silvano Silvi.

disco_silviSilvano Silvi, 79 anni, residente a San Lazzaro, nasce come cantante e compositore negli anni ’50 ed è uno dei pionieri del Rock’n’Roll in Italia. Con il suo gruppo storico “Gli Erranti” si esibisce in diversi locali lungo tutto lo stivale. Nel 1980 Silvano Silvi scioglie il gruppo e, come era la moda di quei tempi, sceglie di fare il D.J. proponendo la musica Revival ed approda anche in Radio e Tv.

Silvano Silvi, nato a San Giovanni in Persiceto, prima di arrivare a San Lazzaro è passato da Bologna, Castel San Pietro, Castenaso, Budrio e solo negli ultimi 5 anni è diventato un “Lazzarone”!

  • Ti senti “Lazzarone?” – “Veramente Lazzarese, però se per lazzarone intendi un po’ birichino, certo che negli anni lo sono stato!”
  • Cosa ti piace di San Lazzaro e che cosa hai apprezzato di più appena ti sei trasferito? – “In realtà è un ritorno perché ci avevo già vissuto dal 1972 al 1984. Di San Lazzaro apprezzo la posizione geografica e la vicinanza a Bologna che ne fa un grande vantaggio pur essendo un paese verde e con tanti parchi, direi una cittadina a misura d’uomo”.
  • Come è cambiata San Lazzaro dalla tua prima venuta ad oggi? – “Dagli anni settanta ad adesso ha avuto uno sviluppo esponenziale. Da paesone rurale è diventato una città vera e propria con i pro e i contro, anche se i pro sono decisamente di più.

Nei primi anni settanta oltre all’orchestra, aiutavo la mia ex moglie che era la titolare de “Il piccolo bar” di via Jussi, dove mi ero fatto un sacco di amici, in pratica erano quelli che mi seguivano anche nei locali e nelle serate.

Ricordo con grande nostalgia la baracchina dei Gelati in Piazza Bracci, ma con ancor maggior nostalgia le varie edizioni della Fiera di San Lazzaro dove ho presentato ed organizzato gli spettacoli con i grandi personaggi degli anni sessanta”.

  • In che anni hai presentato la Fiera di San Lazzaro? – “Per 15 anni consecutivi, dal 1983 al 1998 portando, tra gli altri, Rita Pavone, Little Tony, Bobby Solo, Michele, Maurizio Vandelli, Riccardo Fogli ed Andrea Mingardi”.
  • Oltre ad organizzare e presentare la fiera di San Lazzaro in quegli annsilvi_001i cosa altro facevi? – “Ero il direttore artistico di una radio di San Lazzaro, X Radio, che è nata a Castel De’ Britti nel 1978 ma si è poi trasferita alla Cicogna, sulla via Emilia. Quelli di X Radio sono stati per me, seppur fra alti e bassi, radiofonicamente gli anni più belli. La radio si era imposta tra le migliori emittenti locali ed era molto seguita non solo nella nostra Bologna ma anche in tutta la Romagna. Quelli erano i mitici anni delle radio libere, anni molto belli, dove si poteva essere pionieri di innovazione. La radio è nata da un gruppo di ragazzi che amavano la musica ed aveva la sede in un garage dietro il ristorante la “Vetta”. Importantissimo fu il ruolo del presidente Luciano Salvini. Fiera di San Lazzaro radio, ma anche Tv: ho ideato e condotto diverse trasmissioni televisive tra le quali “Non solo Calcio” in onda su Rete8 ed Italia7Gold. Sono poi passato alla concorrenza con “Che calcio Vuoi” e “Dolce Amaro”, ideate e condotte da me, su Telesanterno. E’ solo dal 2008 che ho abbandonato la radio, mentre dalla Tv mi sono congedato nel giugno 2013″.
  • Perché hai abbandonato il mondo spettacolo? – “Per raggiunti limiti d’età, ma soprattutto di salute! Anche se io dico sempre che un artista non va mai in pensione perché chi fa questo lavoro lo ama fino alla fine”.silvi_franco
  • Quindi adesso che cosa fai? – “Vista la mia lunga vita artistica ho deciso, consigliato da mia moglie Silvana, di scrivere la mia biografia dal titolo “Silvano Silvi, una vita in serie B”. Presto il libro sarà finito ed il prossimo obiettivo sarà quello di cercare un editore per la pubblicazione”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...