Le notizie della settimana ! ANCORA ALLARME CINGHIALI ALLA PONTICELLA,QUOTE ROSA RISPETTATE IN AZZURRO

a cura di Stefano Rimondini

20-cingh-untitled7-11-2016- CINGHIALI PERICOLOSI FRA I BAMBINI – Erano sul marciapiede, in attesa che le auto passassero prima di sparire tra la vegetazione. L’altro giorno, ad attirare l’attenzione di residenti e passanti sono stati tre cinghiali, notati e fotografati in via Alberto Mario alla Ponticella. Un avvistamento insolito nelle ore pomeridiane, perché compaiono solo nelle ore notturne. Qualcuno sostiene che debbano essere ‘lasciati stare’ perché parte della fauna dove sono immersi palazzi e villette, dimenticando che sono stati introdotti da pochi anni, e nutriti oltremisura, cosa che li porta a riprodursi anche tre volte l’anno, invece che naturalmente una. L’ULTIMA segnalazione arriva dalla tranquilla Ponticella, dove alcuni residenti indicano la presenza di una famiglia di ungulati che vive nel parco pubblico frequentato di giorno da anziani e mamme con carrozzine, e nel tardo pomeriggio da sportivi, giovani o da chi portagli amici a quattro zampe a spasso. Le continue incursioni di cinghiali in zone abitate o nei campi seminati dagli agricoltori sono state definite da molti 20-cinghiali-cin-untitled«insostenibili e pericolose», tanto che recentemente si è costituito anche il Comitato per la tutela e la valorizzazione del territorio, dell’ambiente e delle cose di interesse naturalistico del Parco’: più dì 220 persone residenti nell’area protetta che, senza fini di lucro, hanno lo scopo di preservare il territorio e contribuire alla corretta gestione delle attività e che, in più di un’occasione, hanno denunciato i danni causati dagli ungulati. Praticamente si sta aspettando una tragedia, in gran parte preannunciata.

20-black-untitled7-11-2016 – SAN LAZZARO Energia elettrica: ci sono stati tre giorni di buio a macchia di leopardo SAN LAZZARO . Alcuni tratti della Via Emilia, via Kennedy, via Orlandi, via Di Vittorio, via Poggi, via Gramsci e via Fornace sprovvisti di corrente dalle 13 alle 17 per lavori. Nei tre giorni è stato possibile inviare un sms al numero pubblicato online per avere maggiori dettagli sulle tempistiche di intervento nella propria zona di residenza.

8-11-2016 – Sconfitta di misura del Classe20-real-untitled contro un avversario temibile come il Real San Lazzaro che, in un incontro costantemente bloccato a centrocampo, fa suo il bottino su un episodio che premia il tiro di Guerra. Nel primo tempo un palo dei padroni di casa e un tiro a lato di De Rose sono le uniche occasioni da gol; mentre l’unica gioia della ripresa è proprio il gol di Guerra al 77′, anch’esso nato dagli sviluppi di una mischia.

8-11-2016 – Quote rosa oltre il limite, troppe assessore. Un boom pure tra legali, giudici e in Ateneo. La legge Delrio parla chiaro: nelle giunte dei Comuni sopra i 3 mila abitanti nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40%. Questa norma, fatta per tutelare la rappresentanza femminile, ha portato invece due giunte composte solo da assessore, quelle di San Lazzaro e Ozzano, ad essere “fuori regola”, per la presenza di troppe donne. Ora la fresca nomina di assessori uomini ha riportato l’equilibrio di 20-lelli-untitledgenere, con una sorta di “quote azzurre”. «Anche se trovo giusto il principio della parità dice Luca Lelli di Ozzano l’applicazione schematica della percentuale non mi convince in contesti piccoli». La tutela della parità di genere in provincia di Bologna si trasforma nella creazione delle “quote azzurre” per le giunte comunali. La parità di genere è quindi «un obbiettivo cui tendere» più che un dato acquisito. In Città Metropolitana ad esempio il sindaco Virginio Merola, che a Bologna ha nominato 6 assessore e 4 assessori, ha invece scelto la sola Elisabetta Scalambra come “assessora” ( tecnicamente si tratta di consiglieri delegati) alle pari opportunità insieme a 6 colleghi maschi. «Non va affatto bene che ci sia una sola donna-dicono le femministe Annamaria Tagliavini e Angela Romanin e che per di più le venga affidata la delega alle pari opportunità». Come dire, non si è mai pari.

208-11-2016 – GRAVE incidente stradale ieri mattina a Faenza dove un camion si è ribaltato sulla via Emilia. Il conducente del mezzo pesante che trasportava un carico di legna è stato ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale di Faenza. L’episodio è avvenuto ieri mattina verso le 9.15 alla rotatoria a monte tra la circonvallazione e via Emilia Ponente. Al volante del mezzo pesante un 45enne di San Lazzaro, che è stato trasportato all’ospedale di Faenza con un codice di massima gravità.

20-untitled9-11-2016 Referendum : Grillo «A Bologna ci negano la piazza…». Lo scrive su Facebook Beppe Grillo rimandando al post pubblicato sul suo blog dal capogruppo M5S in Comune Massimo Bugani. «La tappa bolognese del nostro tour in treno per il no al referendum costituzionale è in calendario per il 15 novembre scrive Bugani per quella data la disponibilità delle piazze del centro sarà fortemente limitata dall’allestimento del Cioccoshow che impegnerà piazza Maggiore, piazza del Nettuno, piazza Re Enzo e piazza Galvani. Ci hanno spiegato di aver fatto tutte le verifiche con la Questura e non c’è niente da fare. Come spazi per i comizi restano dunque disponibili due piazze distanti dal centro, piazza dell’Unità e piazzale Jacchia: ma la prima è troppo piccola e la seconda non è adeguata, visto che l’iniziativa è prevista alle 20.3o e la cosa mal si coniugherebbe con il contesto dei Giardini Margherita». A questo punto Bugani conclude avanzando un sospetto: «Il Comune ci spinge verso l’esilio. Non vorrei che ci fosse un preciso disegno atto a non dare visibilità al nostro evento». La risposta del Comune di Bologna : «Nessuna piazza è stata negata al M5S». Palazzo d’Accursio conferma che «piazza Maggiore non è disponibile il 15 novembre a causa del Cioccoshow». Tra le piazze individuate dalla commissione non ci sono quelle richieste dai Cinque Stelle ma rientrano invece piazza dell’Unità e piazzale Jacchia. «La deroga chiesta dal M5S per individuare altre piazze,20-conti-untitled oltre a quelle individuate dalla commissione spiega il Comune non è stata accolta in quanto è stata fatta troppo a ridosso della consultazione». In serata, Bugani ha «denunciato» un caso analogo nella vicina San Lazzaro, dove vive il capogruppo. « Il Comune di San Lazzaro insiste Bugani ci aveva dato la disponibilità del parco 2 agosto ma oggi pomeriggio  ci hanno chiamato dicendo che non è più disponibile, per lavori di manutenzione<iframe width=”853″ height=”480″ src=”https://www.youtube.com/embed/OonwdndzNPI?rel=0&#8243; frameborder

9-11-2016 Isabella Conti: “Da noi non ci sono molti luoghi adatti”. Il grillino si è lamentato di non aver ottenuto lo spazio richiesto a Bologna e aveva ipotizzato di spostarsi per l’iniziativa sul No al referendum A San Lazzaro i grillini sono di casa e non solo perché è il Comune di residenza dello stesso Bugani. Lì, al ristorante il Capriccio, si sono tenute varie inziative di autofinanziamento del movimento, con Luigi Di Maio che nel settembre del 2015 vestì i panni di cameriere per raccogliere fondi per la causa del movimento. Ora però non sembra così facile trovare una piazza per l’iniziativa 20-car-untitled

11-11-2016 – Sventato un tentativo di furto al Centro Commerciale Lame.   Una pattuglia di carabinieri si è recata  velocemente sul posto e ha proceduto all’arresto dei tre rumeni, tutti noti alle forze dell’ordine per   i loro precedenti di polizia specifici. La 31enne era già stata denunciata ad ottobre per un fatto analogo presso la Coop di San Lazzaro.  La refurtiva, del valore di circa 500 euro, è stata restituita al legittimo proprietario.

20-uma-untitled13-11-2016 – Dai cantieri al condominio : Il ritorno degli Umarells . Fenomenologia degli umarells, del bolognese Masotti, ora in libreria. Per usare le parole del fondatore della casa editrice bolognese Antonio Bagnoli, «si tratta di un’evoluzione culturale del primo volume. Viene pubblicato quello che è successo in questo periodo e scopriamo che gli umarells non sono più solo quelli che stanno davanti al cantiere. Sono anche dentro di noi». L’analisi trova molto d’accordo il suo autore, che qui alla Pendragon amano appellarlo antropologo urbano. «L’umarell in realtà non ha un’età. Può esserlo un bambino di 8 anni, può non esserlo un anziano di go, può essere un bolognese20-umm-untitled ma anche un cinese», Il volume Danilo «Maso» Masotti, a distanza di nove anni da «Umarells» (quasi 10 mila copie vendute), torna in libreria con un nuovo libro edito sempre dalla Pendragon: «Oltre il cantiere. Fenomenologia degli umarells»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...